PRATO – Arrestato pusher cinese che occultava ketamina all’interno del tubo di una canna fumaria

Ieri sera a Prato i militari del reparto operativo del Comando Provinciale Carabinieri, hanno arrestato per detenzione ai fini di spaccio di  stupefacenti  Z.W. 50enne cinese nato nel Fujiang (r.p.c.), residente in città, celibe ed operaio tessile.

Ieri l’uomo, già tenuto sotto controllo dai militari, si era recato al centro smistamento DHL di Osmannoro per ritirare un pacco. Una volta rientrato in casa i militari hanno fatto irruzione nel suo appartamento di via Pistoiese ed hanno constatato che nel cartone da lui ritirato c’era un tubo inox d’una canna fumaria, ma le cui dimensioni ed attacchi non erano compatibili con la caldaia a gas presente nella sua abitazione. Smontato il manufatto è sbucata fuori la droga che sostituiva la sostanza coibentante all’interno dell’intercapedine.

L’uomo sottoposto alla perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di due chili e cento grammi di ketamina contenuti in 4 buste di cellophane occultate all’interno di questo tubo “inox” della canna fumaria. Inoltre sono stati rinvenuti anche altri 58 grammi della sostanza suddivisi in 2 bustine con chiusura a pressione e un involucro con 8 pasticche di extasy blu a forma triangolare con il teschio “the punisher”, oltre a 129 analoghi involucri vuoti di vario volume, una bilancina elettronica.

Il tutto è stato sequestrato e repertato e sarà depositato presso l’Ufficio Corpi di Reato del locale tribunale, stimando in € 129.500 il valore delle sostanze rinvenute dagli uomini dell’Arma. L’arrestato oggi si presenterà in tribunale per la convalida dell’arresto e l’adozione nei suoi confronti di adeguate misure cautelari.

La vicenda si intreccia inoltre con il cosiddetto “sfruttamento di manodopera in stato di bisogno” in quanto la droga era probabilmente destinata ad alcuni laboratori di confezioni pronto moda cinesi. Lo scopo si pensa fosse quello della somministrazione agli operai al fine di fargli sopportare lunghissimi turni di lavoro, anche di 14 ore.

Il Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Prato, da gennaio ad oggi, ha sequestrato ben 10 chili e 400 grammi di ketamina il cui consumo risulta in continua espansione.

Articoli correlati

Back to top button