LUCCA – Luccabiodinamica, dal 24 al 27 giugno in 19 ristoranti piatti con prodotti bio delle aziende agricole locali

Il 24 giugno un incontro divulgativo su “Sostenibilità: uno sguardo d'insieme”

Contadini, botteghe, ristoratori e consumatori insieme per valorizzare i prodotti tipici della rete locale delle campagne della lucchesia, attraverso un’operazione connotata da una forte impronta di sostenibilità ambientale e di responsabilità sociale. Si chiama Luccabiodinamica a tavola ed è un’iniziativa messa in campo dal Comune di Lucca insieme all’associazione che raccoglie 18 aziende agricole lucchesi che praticano la biodinamica nei campi e nelle vigne, Confcommercio e Confesercenti e 19 ristoranti della lucchesia.

A presentarla, stamani (22 giugno) a palazzo Orsetti, erano presenti, tra gli altri, il sindaco Alessandro Tambellini, l’assessora al commercio e alle attività produttive Chiara Martini, Luigi Fenoglio di Luccabiodinamica, la direttrice di Confcommercio Sara Giovannini.

Da giovedì 24 fino a domenica 27 giugno, nel menù dei ristoranti che hanno aderito, gli avventori troveranno la proposta di un piatto che sarà composto interamente con prodotti provenienti dalle aziende locali che aderiscono alla rete Luccabiodinamica e che si sono resi disponibili. Ortaggi, legumi, farine, pasta, composte, olio e miele: tutti questi prodotti -ottenuti utilizzando preparati naturali utili a stimolare dinamicamente la fertilità della terra senza ricorrere all’uso di pesticidi, diserbanti e altri preparati chimici- arriveranno direttamente nelle cucine dei ristoranti tipici, delle locande e osterie storiche del territorio. I coltivatori saranno inoltre presenti per illustrare le tecniche di coltivazione e le qualità dei singoli prodotti presenti nel piatto degustato.

“Si tratta di un percorso – ha spiegato a questo proposito l’assessora Chiara Martini – che l’amministrazione ha iniziato da tempo nell’ambito dell’assessorato alle attività produttive, e nel quale anche la mia predecessora Valentina Mercanti credeva moltissimo. Da parte nostra siamo fortemente interessati a promuovere canali commerciali in grado di valorizzare i produttori locali e le eccellenze del territorio e consideriamo, questo, un esperimento sul campo per testare la risposta complessiva del sistema. Si tratta, dal nostro punto di vista, non solo di un’operazione di promozione e di marketing, ma anche di un’azione volta ad aumentare la consapevolezza dei consumatori nei confronti di circuiti che mettono al centro la sostenibilità, la nostra salute e i legami sociali, oltre che economici, del nostro territorio”.

I ristoranti che hanno aderito all’iniziativa sonoAntica Locanda dell’Angelo, Antica Osteria di Lucca, Pepe Rosa, Gigliola, Osteria dal Manzo, gli Orti di via Elisa, Osteria dello Stellario e Mecenate in centro storico; Antica Locanda di Sesto a Sesto di Moriano, Bar Tambellini a Sant’Alessio, Pesce Briaco di Pieve Santo Stefano, la Locanda Buatino di Borgo Giannotti, l’Osteria da Mi’ pa’ e ristorante Serendipico a Gragnano, l’Osteria di Lammari, il ristorante Butterfly a Marlia; Al Teatro- Laboratorio del Gusto, Il Baretto di Gallicano, Molin della Volpe di Pescaglia.

“La festa di San Giovanni è una festa agricola, cade il 24 giugno e celebra la vittoria della luce sul buio. LuccaBiodinamica la celebra da anni e anche nel 2021, nonostante la situazione, non abbiamo voluto rinunciare a questo appuntamento. Quest’estate, però, non sono più i ristoratori e seguirci in collina ma siamo noi ad andare a casa loro, e questo vuole essere un segnale di ripresa e testimoniare quel fortissimo e imprescindibile dialogo che deve esserci tra agricoltura e ristorazione” , ha dichiarato Luigi Fenoglio di LuccaBiodinamica.

Le cinque giornate dedicate al gusto dei prodotti tipici della rete di aziende locali saranno affiancate da una iniziativa a carattere divulgativo, volta ad approfondire tutte le tematiche declinate nei piatti di Luccabiodinamica. Giovedì 24 giugno alle 17.00, nella sede di Confcommercio di via Fillungo, si svolgerà un incontro dal titolo “Sostenibilità: uno sguardo d’insieme”, con interventi previsti di Saverio Petrilli- vignaiolo biodinamico, Federico Martinelli- agricoltore biodinamico, Francesca Pisseri- medica veterinaria e orientamento sistemico, Stefano De Ranieri- ristoratore, Barbara Nappini- Slow Food.

“La nostra associazione – commenta la direttrice di Confcommercio Sara Giovannini – ha accolto con grande piacere la proposta degli organizzatori di ospitare nella propria sede un convegno su un tema che rappresenta presente e futuro delle imprese collegate al mondo del food. Mai come oggi, in questa fase di ripartenza, Confcommercio segue con interesse tutte quelle strade che, nel rispetto della sostenibilità ambientale, siano in grado di produrre vantaggi per i propri associati, sia dal punto di vista della qualità che economico”.

Articoli correlati

Back to top button