FIRENZE – Posti di lavoro per donne e giovani in situazione di fragilità: progetto della Metrocittà

Su proposta del consigliere delegato alla Promozione sociale Nicola Armentano, il Consiglio della Città Metropolitana di Firenze ha approvato all'unanimità un progetto di formazione e orientamento al lavoro di persone fragili o rese tali dalle pandemia

Il disagio sociale ed economico venutosi a creare in conseguenza della pandemia da Covid, oltre alla perdita di tanti posti di lavoro soprattutto fra le donne e i giovani, “ha aggravato ulteriormente le situazioni di violenza domestica di cui sono vittime donne e minori (questi ultimi sia per violenza subita che assistita), come si rileva dal Rapporto sulla violenza di genere dell’Osservatorio sociale regionale”.
La Metrocittà di Firenze, ha spiegato Armentano, “vuole offrire alle persone in condizione di marginalità e fragilità la possibilità di seguire percorsi di formazione e orientamento al lavoro, al fine di migliorarne le competenze”.

Anche nei casi di violenza di genere il sostegno all’inserimento o al reinserimento lavorativo, oltre ad avviare un processo di autonomia economica delle donne che vivono queste situazioni, “è un aiuto a sviluppare una maggiore consapevolezza di sé, delle proprie risorse e capacità”.
Affinchè la formazione abbia un’effettiva ricaduta occupazionale, il percorso è costituito da moduli didattici in aula e da ore di laboratorio specifico in stage aziendali.
Come in altri percorsi formativi sarà favorita la presenza dei corsisti in formazione mediante la corresponsione di un contributo ad personam, il cui importo sia analogo a quello stabilito per altri percorsi formativi (come ad esempio “Giovani Sì” della Regione Toscana).

Con la delibera approvata si punta ad attivare un progetto di inclusione sociale attraverso percorsi formativi e di accompagnamento al lavoro di soggetti fragili, quali donne inoccupate vittime di violenza domestica, o donne che hanno perso il lavoro, o giovani disoccupati in condizioni di marginalità (perché ad esempio figli di detenuti o di disoccupati) che abbiano assolto all’obbligo scolastico e che siano maggiorenni di un’età compresa tra i 18 e i 35 anni.

La Città Metropolitana si avvarrà degli Organismi Partecipati della Città Metropolitana di Firenze che possono fornire percorsi professionalizzanti di formazione e orientamento al lavoro e collaborare con aziende per lo svolgimento degli stage. Saranno inoltre coinvolte le Società della Salute operanti nel territorio della Città Metropolitana, al fine di individuare i casi in cui è più opportuno intervenire, tenuto conto dei dati Istat sulla disoccupazione femminile e giovanile e dell’Osservatorio Sociale Regionale sul fenomeno della violenza di genere.
Per il progetto sono stati stanziati 19.000 euro (Iva compresa), riguardanti dieci unità da inserire in percorsi professionalizzanti con moduli didattici e stage aziendali.

Articoli correlati

Back to top button