AREZZO – Indagine Fiepet, tra smartworking e crisi del turismo: i risvolti sui pubblici esercizi

Lucio Gori: “Assenza di turismo e smartworking pesano nei bar e ristoranti”

Indagine di Fiepet Confesercenti tra i bar, pizzerie, tavole calde e i ristoranti della città e della provincia di Arezzo. Ecco i risultati del sondaggio “Tra Smartworking e crisi del turismo: i risvolti sui pubblici esercizi” condotto tra i pubblici esercizi al quale hanno partecipato quasi attività iscritte a Confesercenti.

“Sono dati preoccupanti” commenta Lucio Gori responsabile di Fiepet Confesercenti “quelli che emergono dal sondaggio che abbiamo promosso dal quale emerge un preoccupante crollo dei fatturati, e preoccupazione alle stelle durante questa difficile fase dell’emergenza Covid-19.. I nostri associati hanno risposto a dieci domande con le quali abbiamo voluto misurare lo stato di salute dei pubblici esercizi per capire quali sono le loro esigenze e suggerire soluzioni alle istituzioni per poter uscire da un periodo difficile”.

Quello che è emerso tra i pubblici esercizi distribuiti tra Arezzo centro e periferie, compreso le frazioni e i comuni della Valtiberina, della Valdichiana, del Casentino e del Valdarno è che c’è stato per tutti un calo del fatturato e che le prospettive non sono rosee. Anche se da realtà a realtà ci sono lievi variazioni percentuali.

“Per il 25% degli intervistati il Coronavirus ha causato un calo del fatturato di oltre il 50%; per il 50% invece c’è stata una riduzione compresa tra il 30% e il 50% mentre per il restante 25% il calo è stato registrato tra il 10% e il 30%”. Ad incidere sul calo del fatturato sono l’assenza del turismo calato vertiginosamente e anche il cambio delle abitudini che ha visto diminuire il passeggio per le strade a causa dello smart  working del pubblico impiego e di una minor presenza di dipendenti negli esercizi commerciali e servizi. Anche lo smartworking è percepito dai pubblici esercizi come un “problema”. “Pranzi mordi e fuggi e pause caffè dei lavoratori sono infatti diminuiti” spiega Lucio Gori “ nei bar, nelle tavole calde, nelle pizzerie e nei ristoranti dove i titolari soffrono anche per una incertezza nel futuro. Il 55%  sta già utilizzando gli ammortizzatori sociali, e il restante 45% no, ma dobbiamo considerare che in questo dato rientrano molti esercizi a conduzione familiare. Per la stragrande maggioranza, l’80%, se la situazione perdurerà si ricorrerà alla necessità di ridurre il personale”.

“A preoccupare” aggiunge Gori “sono anche le risposte al quesito: sta valutando il rischio di una chiusura definitiva? Il 5% ha risposto si, considerandolo come un evento probabile. Il 25 % invece non vede a rischio la propria attività mentre il 70% vede a rischio la propria attività se non saranno trovate soluzioni che possano da un lato sostenere le aziende e dall’altro in un futuro prossimo la situazione generale migliorare e le persone tornare a frequentare gli esercizi così da poter uscire dal periodo di crisi. Tra le soluzioni che sono state suggerite è stata indicata la necessità di “evitare tassativamente una seconda chiusura obbligatoria”.

Un pericolo da scongiurare secondo i titolari dei pubblici esercizi che ritengono anche indispensabile o augurabile per loro e per il paese “trovare un vaccino”. C’è poi anche chi ha indicato prioritario la necessità di “ridurre gli affitti, e la tassazione”.
“Infine dal sondaggio” conclude Lucio Gori di Fiepet-Confesercenti “è emerso anche la difficoltà per il 55% di far rispettare le norme anticovid. Le difficoltà sono per un 35% dovute al distanziamento , per il 20% all’acquisizione dei nominativi, e per un 45% a far utilizzare correttamente gel e mascherine”.

Back to top button