Buywine e Anteprime, i vini toscani si presentano al mondo

Qualità, resilienza, nuovi mercati e sicurezza. Sono queste le parole chiave che faranno da filo conduttore all’edizione 2021 delle Anteprime di Toscana, settimana in cui i Consorzi di Tutela presentano le nuove annate dei vini di Toscana alla stampa specializzata di settore.

“La Toscana – ha detto la vicepresidente e assessora all’agroalimentare Stefania Saccardi – anche in piena pandemia non rinuncia a presentare al mondo i suoi gioielli dell’agroalimentare. BuyWine, che è una grande vetrina commerciale e operativa per le imprese vitivinicole toscane che qui possono presentarsi a buyers che operano direttamente sui mercati, quest’anno ha messo in campo tutta la tenacia e la creatività che contraddistinguono la Toscana e chi vi opera, e si presenta nella formula innovativa, totalmente online, che rende possibile l’incontro virtuale tra 150 aziende toscane e 130 buyer di 34 Paesi nel mondo. In un periodo in cui tutte le più importanti manifestazioni legate al vino hanno gettato la spugna, questo è un segnale di grande fiducia che tributiamo al nostro settore vitivinicolo nel suo complesso e dei 16 Consorzi di tutela, un mondo fatto di storia, cultura, arte e professionalità  in cui potranno calarsi tutti gli operatori commerciali (online) e i giornalisti (I presenza) per apprezzare uno dei prodotti su cui puntano la nostra economia e la nostra identità”.

“Il BuyWine è un grande ambasciatore della Toscana nel mondo – ha detto Giuseppe Salvini segretario generale  della Camera di Commercio di Firenze – Con questo evento accendiamo i riflettori sulle eccellenze enologiche della regione: un’azione di marketing territoriale che contribuirà alla ripartenza della nostra economia”, ha detto Giuseppe Salvini, segretario generale della Camera di commercio di Firenze”.

“Lunedì – ha aggiunto Massimo Manetti presidente di PromoFirenze- è partita la prima tappa degli incontri B2B area Europa ed il feedback che stiamo ricevendo dai produttori è molto positivo; dunque il format delle degustazioni a distanza si conferma vincente in un anno difficile come questo”, ha commentato Massimo Manetti, presidente di PromoFirenze.

“Siamo davvero contenti di aver dato il nostro contributo di idee e comunicazione per la realizzazione di una iniziativa che segna un parziale ritorno alla normalità – sottolinea Davide De Crescenzo, responsabile Area Contenuti di Fondazione Sistema Toscana, nonché direttore di intoscana.it. – PrimAnteprima, al di là delle degustazioni che si svolgeranno in piena sicurezza, avrà un format nuovo, on line, in cui nella giornata di venerdì al Teatrino Lorenese sarà dato ampio spazio e visibilità ai Consorzi emergenti, in streaming e sui social. Per tutta la settimana delle anteprime, inoltre, nelle sale digitali del Cinema “La Compagnia” si terrà una edizione di “Ciak&Wine” che consentirà a cinefili e amanti del vino di accedere on demand a film e documentari sul tema. Infine, non solo per questi appuntamenti ma anche per i prossimi mesi, daremo vita ad una forte campagna digitale sui canali di comunicazione del sistema regionale del vino per valorizzare realtà, storie e protagonisti di un settore centrale per la promozione economica e territoriale della Toscana”.

“Il progetto True Italian Taste – finanziato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e realizzato da Assocamerestero con le Camere di Commercio Italiane all’Estero –  ha detto Domenico Mauriello, segretario generale di Assocameraestero – è nuovamente partner di questa importante iniziativa dedicata alle aziende del comparto vitivinicolo, dopo aver già partecipato al BuyFood 2020. Stavolta siamo presenti con circa 30 buyers, selezionati dalle CCIE di Asia e Oceania, interessati a scoprire le eccellenze vinicole della regione. Una straordinaria opportunità per le nostre imprese di affacciarsi a mercati lontani, che sono già in netto vantaggio sui tempi di ripresa dalla crisi globale e che offrono importanti margini di sviluppo per l’export del settore. Il progetto True Italian Taste, avviato nel 2016, vuole aumentare la conoscenza tra i consumatori esteri dei prodotti 100% made in Italy e favorire il posizionamento delle nostre imprese sui mercati internazionali. Le 36 Camere di Commercio Italiane all’Estero coinvolte hanno sensibilizzato dal 2016 oltre 14mila influencer e 700mila foodies attraverso 560 eventi in presenza e virtuali, soprattutto in seguito alla pandemia.”

Ad aprire le danze, come da tradizione, sarà PrimAnteprima, l’Anteprima collettiva della Regione a cui partecipano 12 Consorzi tra i più promettenti della Toscana enologica che si svolgerà venerdì 14 maggio alla Fortezza da Basso di Firenze, dalle 9.30 alle 17.30. Un fitto calendario di appuntamenti e degustazioni, dedicati alla stampa di settore nazionale e internazionale, promossi da Regione Toscana insieme a Camera di Commercio di Firenze e organizzati da PromoFirenze e Fondazione Sistema Toscana, con una particolare attenzione quest’anno per la salute.

L’appuntamento, infatti, è stato organizzato seguendo rigidi protocolli di sicurezza per garantire ad ogni partecipante di accedere all’appuntamento di lavoro nel rispetto delle nuove normative sanitarie a tutela della salute collettiva.

L’EDIZIONE DELLA RIPRESA – La Toscana del vino è pronta a ripartire, decisa a confermare il proprio ruolo di motore dell’economia regionale e a mantenere la leadership sui mercati esteri. L’onda lunga dell’emergenza Covid non ha smorzato l’energia delle aziende vinicole che, anche quest’anno, sono pronte a mostrare il meglio delle nuove annate. A dimostrazione di ciò, in degustazione a PrimAnteprima ci saranno 400 etichette, provenienti da 170 aziende tra le più dinamiche e promettenti. Ben 12 i Consorzi partecipanti, un numero in crescita rispetto allo scorso anno, a dimostrazione che la cultura della promozione è ben radicata tra le aziende toscane ed è considerata – anche in periodi complicati come quello attuale – un volano di crescita e di successo sui mercati.

Ecco i nomi dei consorzi che alla Fortezza da Basso di Firenze presenteranno le proprie annate e le riserve dando vita a un’intensa giornata di degustazioni Bianco di Pitigliano e Sovana, Candia dei Colli Apuani, Carmignano, Chianti Rufina, Colline Lucchesi, Cortona, Maremma Toscana, Montecucco, Orcia, Terre di Pisa, Val di Cornia e Suvereto, Valdarno di Sopra.

LA TOSCANA DEL VINO –  La Toscana, con i suoi 60mila ettari di viti, ogni anno offre un ventaglio di vini di altissima qualità, con caratteristiche uniche e apprezzate in tutto il mondo. In crescita le DOP made in Tuscany (DOCG e DOC) che vengono prodotte dal 99% della superficie vitata (nel 2019 era il 95,8%) Quasi 13mila le aziende impegnate nel settore, concentrate prevalentemente nelle province di Siena (2.525) e Firenze (2.375), che possiedono anche la maggiore estensione dei vigneti (rispettivamente 16.700 e 20.133 ettari). La vendemmia toscana del 2020 ha segnato un leggero calo nelle produzioni, ma una tenuta massima nella qualità del prodotto: 2,2 milioni di ettolitri di vino (nel 2019 erano stati 2,6 milioni), di cui il 67% (1,4 milioni) rappresentato da etichette DOP (Fonte: Artea – Schedario viticolo al 31 luglio 2020).

BUYWINE 2021 – Resiste nonostante la pandemia anche BuyWine Toscana, la più importante vetrina B2B dei vini a denominazione della Toscana. Innovativa la modalità di svolgimento per l’edizione 2021, l’undicesima. Quest’anno, l’incontro tra i buyer di tutto il mondo e i seller toscani avverrà da remoto, senza nulla togliere all’experience della degustazione in diretta.

Oltre 130 operatori, selezionati da PromoFirenze tramite la sua rete di contatti internazionali, hanno già ricevuto le confezioni di Vinotte, piccoli campioni dei vini, molto curati nell’estetica e personalizzati con il logo del produttore, mentre l’etichetta vera e propria e tutti i dettagli tecnici sono stati caricati da ogni azienda sul catalogo online visibile ai buyer.

Tre le tappe in calendario per gli incontri. Si inizia con l’Europa, dal 10 al 14 maggio, con 18 Paesi partecipanti, tra i quali i più rappresentativi sono Germania, Francia, Danimarca, Belgio e Regno Unito.

Dal 24 al 28 maggio, seconda tappa in Asia e in Australia: 12 Paesi raggiunti dalle Vinotte, grazie alla collaborazione di Assocamerestero, all’interno del progetto finanziato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, “True Italian Taste”. Cina, Giappone, Taiwan, Hong Kong e Corea del Sud sono i Paesi presenti con il maggior numero di buyer. Terza tappa, dal 7 all’11 giugno, Canada (dove sono state coinvolte anche alcune province emergenti nel consumo del vino), USA, Colombia e Messico. Ogni tappa prevede la partecipazione di oltre 40 buyer, a fronte di 50 seller per un totale di 150 aziende vinicole toscane coinvolte in BuyWine 2021. La provincia più rappresentata è quella senese con 56 cantine, seguono Firenze (39), Grosseto (21), Arezzo (18), Pisa (5), Livorno (4), Lucca e Prato (3), Pistoia (1). Ogni produttore ha potuto inviare fino a un massimo di quattro etichette, scegliendo a quale delle tre tappe partecipare.

Articoli correlati

Back to top button