Buone pratiche e eccellenze nella scuola. La Regione Toscana alla quinta edizione di Didacta

È un contributo importante all’intera manifestazione quello che la Regione Toscana proporrà nel corso della quinta edizione di Didacta Italia, il più importante appuntamento fieristico nazionale dedicato all’innovazione della scuola che torna alla Fortezza da Basso di Firenze dal 20 al 22 maggio prossimi.

Oltre al ruolo di rilievo svolto nel comitato organizzatore, la Regione sarà protagonista con “La Toscana fa scuola”, il programma di eventi realizzato grazie al lavoro di coordinamento della direzione “istruzione, formazione, ricerca e lavoro” e alle risorse del Por Fse: uno spazio di 230 mq all’interno del Padiglione Cavaniglia, numerose attività con ragazze e ragazzi, 29 eventi (6 dei quali inseriti nel programma scientifico di Didacta Italia e alcuni in modalità “Didacta in classe”, ovvero in presenza e on line con studentesse e studenti collegati dalle loro scuole).

“Il ricco programma di Regione Toscana è il risultato della capacità di fare rete con istituzioni ed enti, mondo della scuola, associazioni, assessorati e agenzie regionali”, spiega l’assessora a istruzione, lavoro, formazione, Università e ricerca Alessandra Nardini. “Siamo felici ed emozionati di tornare ad organizzare la Fiera in presenza, dopo due anni difficilissimi per il mondo della scuola – continua l’assessora -. Spero che adesso sia chiaro a tutte e tutti quanto sia importante investire in istruzione e garantire il diritto allo studio, la ripartenza non può prescindere da questa consapevolezza, a tutti i livelli”.

La proposta della Toscana è stata costruita assieme all’Ufficio scolastico regionale, ai docenti, ad Avis Toscana, ad Arti, l’agenzia per i servizi per l’impiego, a Giovanisì, alla Fondazione Sistema Toscana. Dalle avanguardie educative dei laboratori sul sapere scientifico alle azioni per la prevenzione del fenomeno dei Neet, dalla premiazione dei migliori Progetti educativi zonali 0-6 (Pez) alla cura della Memoria e alla conoscenza della Costituzione in classe, dall’orientamento scolastico alla scuola con il cinema, fino ai toolkit per docenti su stereotipi di genere, discriminazioni e razzismo.

“Nell’edizione di questo anno di Didacta – conclude l’assessora – portiamo il grande e prezioso lavoro che abbiamo fatto in Toscana e le nostre progettualità per una scuola innovativa, sempre più inclusiva e capace di educare, istruire, formare le giovani generazioni, cittadine e cittadini del futuro ma anche già del presente”.
Durante la tre giorni saranno presenti, nell’area espositori, anche Toscana Promozione e il progetto Vetrina Toscana.

Regione Toscana e Programma Scientifico
Il programma scientifico di Didacta è il cuore della manifestazione. Propone seminari rivolti a docenti, riconoscendo crediti formativi. Sono 6 gli eventi formativi della Regione Toscana inseriti nel programma scientifico di questa edizione. Si svolgono tutti in Palazzina Lorenese. Sabato 21 maggio sarà presentato il secondo rapporto regionale sulle forme di razzismo e discriminazione in Toscana. 20 maggio, 4 eventi: Metodologie di prevenzione del fenomeno dei Neet (9:00-10:30); Innovare la formazione dei tecnici vitivinicoli: l’esperienza del percorso di specializzazione per enotecnico in apprendistato di alta formazione (11:30-13:00); Intellettuali in fuga dall’Italia fascista (14:00-15:30); Laboratori del Sapere Scientifico (16:30-18:00). 21 maggio, due eventi: Secondo rapporto di ricerca sulle forme di razzismo e discriminazione nella Regione Toscana – Toolkit per docenti (9:00-10:30); Microlearning – un nuovo modo di concepire la formazione partendo dai concetti (14:00-15:30).

“La Toscana fa scuola”, il programma della Regione
Il rapporto scuola-lavoro tra Pcto (ex alternanza scuola lavoro), Its e apprendistato. L’educazione alla sostenibilità ambientale, il sistema scuola per gli studenti ipovedenti. La premiazione delle migliori pratiche dei Progetti educativi zonali 0-6, del concorso”Il lavoro del futuro: generazione z” e dei progetti digitali IeFp, la Costituzione e la Memoria, i 150 anni dalla morte di Mazzini, la scuola con il cinema. Il toolkit per docenti contro gli stereotipi di genere. Abbracciano tutti i campi della scuola italiana gli appuntamenti del programma della Regione Toscana a Didacta 2022. A molti di questi parteciperà l’assessora a istruzione, formazione, lavoro, Università e ricerca Alessandra Nardini. Ci saranno anche l’assessora all’ambiente Monia Monni, per un’iniziativa Por Fse sulla qualità dell’aria con l’Ecoistituto delle Cerbaie (20 maggio, 15:30-16:30, Palazzina Lorenese), e l’assessora al welfare e politiche sociali Serena Spinelli per un incontro con la stamperia Braille nella saletta dello stand della Regione (‘Il libro in braille nel sistema scuola’, 21 maggio, 11:30 – 13:30).

Lo spazio Regione Toscana
230 mq di stand, realizzato grazie alle risorse del Fondo sociale europeo, per mettere in mostra le attività regionali ed le eccellenze presenti nelle scuole della nostra regione. È dotato di una saletta da 40 posti. Sarà animato dal personale della direzione regionale “istruzione, formazione ricerca e lavoro”, dalla stamperia Braille della Regione Toscana, dagli spazi di Avis Toscana, dell’agenzia regionale per l’impiego Arti, da Giovanisì con Garanzia giovani, da ragazze e ragazzi degli Istituti alberghieri e agrari, degli Its toscani, dei percorsi scolastici e formativi dell’area robotica.

Lo stand della Regione Toscana e le scuole
Lo stand tornerà ad ospitare, grazie alla collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana gli eventi enogastronomici, organizzati e allestiti da allieve e allievi degli istituti alberghieri e agrari della Toscana per diffondere buone pratiche dell’educazione e dell’istruzione e favorire la conoscenza dell’Apprendistato e del Sistema Duale. Le scuole saranno impegnate nelle tre aree Food, Degustazioni Vino e ‘La Bottega delle scuole’ con la preparazione e somministrazione di snack dolci e salati, caffè, tè, succhi di frutta, cocktail analcolici e fingerfood, wine tasting e vendita di prodotti (vini, prodotti dolciari ecc.) dalle stesse scuole. Ci saranno ragazze e ragazzi del Buontalenti di Firenze, del Chino Chini di Borgo San Lorenzo, del Pacinotti Belmesseri di Massa, l’agrario Ricasoli di Siena, l’I.I.S. Pellegrino Artusi di Chianciano, l’Ipsseoa Saffi di Firenze, l’Ipssar Matteotti di Pisa. Per la ‘Bottega delle scuole’, ogni prodotto è stato realizzato dagli studenti all’interno delle imprese formative degli Istituti di istruzione secondaria di secondo grado, con la supervisione dei docenti. Il ricavato della vendita dei prodotti sarà reinvestito nelle imprese formative, come ad esempio attrezzature e materiale educativo, concorrendo a rendere sostenibile la loro attività. Nello stand ci saranno anche studentesse e studenti dalle scuole con indirizzo robotica che esporranno materiali e oggetti da loro prodotti mentre, per l’area post-diploma, si alterneranno ragazze e ragazzi che hanno frequentato i corsi degli Its della Toscana. Il 20 maggio dalle 9 la Sala Scherma ospiterà l’evento di chiusura sull’esperienza dei 17 percorsi Pcto svoltisi negli uffici della Giunta regionale della Toscana.

Toscana Promozione a Didacta 
Toscana Promozione Turistica è espositore a Didacta. Organizza la cena di apertura della manifestazione, giovedì 19 maggio, nell’Auditorium della Camera di Commercio di Firenze.  L’agenzia propone una riflessione sul tema dell’educazione alimentare nell’ambito del progetto “Vetrina Toscana”. Con il suo stand promuoverà l’offerta del turismo scolastico e giovanile con materiale informativo su progetti, itinerari, percorsi di cultura locale, naturalistica e storica.

Scarica “Toscana fa scuola“, il programma della Regione Toscana a Didacta 2022

Articoli correlati

Back to top button