Sicurezza lavoratori settore moda, bando da 3 mln per progetti di imprese

Un bando per sostenere gli investimenti delle imprese operanti nel settore moda destinati a migliorare le condizioni di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro. Apre oggi, lunedì 12 dicembre, sul portale di Sviluppo Toscana con una dotazione finanziaria di 3 milioni di euro.

“La decisione di adottare questa misura – spiega l’assessore all’economia Leonardo Marras – nasce dall’esigenza di dotarsi di strumenti innovativi per migliorare la sicurezza dei luoghi lavoro e restituire maggiore semplificazione nel rapporto con il sistema dei controlli, grazie a processi di digitalizzazione spinta. Sappiamo benissimo qual è il contributo economico di questo settore per la Toscana, in termini di occupazione ed export. Le criticità emerse in anni recenti, anche con tragici fatti di cronaca, o quelle meno conosciute rispetto ai tassi di infortunio ci obbligano a ricercare insieme alle imprese virtuose tutte le soluzioni possibili. L’attività di repressione dei comportamenti illegali deve collegarsi ad azioni di prevenzione e sostegno per migliorare le condizioni di lavoro, e dimostrare che comportamenti corretti possono essere fattori di crescita e non solo costi. Vogliamo quindi – conclude Marras – ‘premiare’ quelle realtà che decidono di impegnarsi per attivare miglioramenti delle condizioni di salute e sicurezza andando oltre gli obblighi di legge, innescando sistemi di miglioramento continuo e garantendo forme di trasparenza e tracciabilità di tutte le operazioni”.

Il bando punta ad aumentare il livello di salute e sicurezza dei lavoratori mettendo a disposizione 3 milioni di euro per le imprese della filiera della moda che realizzino interventi oltre gli obblighi di legge, applicando metodi innovativi sia nell’organizzazione che nei processi produttivi. I progetti ammissibili dovranno attivare almeno una delle seguenti finalità: tecnologia blockchain per ‘notarizzare’ i processi interni a tutela della sicurezza (dalla manutenzione delle macchine, agli interventi di formazione, acquisto dispositivi di protezione, esiti verifiche ispettive di terza parte o di enti di controllo), certificazione ISO 45001.

Possono presentare domanda le Micro, piccole e medie imprese (MPMI).

L’aiuto è concesso in regime ‘de minimis’ sotto forma di contributo a fondo perduto pari al 40% del totale delle spese ammissibili e per un importo non inferiore a 8 mila e non superiore a 50 mila euro. Il limite massimo si alza fino a 60 mila euro per i progetti presentati da imprese parte di un accordo di filiera e quindi impegnate non come soggetti singoli ma come partner di altre PMI e di imprese committenti (occorre un accordo che preveda l’utilizzo di metodi e tecnologie comuni, nonché l’implementazione di un modello uniforme di innovazione nell’organizzazione aziendale).

Le domande potranno essere presentate con la procedura a sportello esclusivamente sul portale di Sviluppo Toscana (soggetto gestore del bando) dove si possono trovare tutte le  informazioni necessarie ed testo il completo dell’avviso pubblico.

Articoli correlati

Back to top button