PISA – Turismo green, Parco in prima fila

Iniziato con un partecipato forum il percorso per l'adesione alla Carta Europea del Turismo Sostenibile. I prossimi appuntamenti

Il Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli si avvia a diventare un punto di riferimento per il turismo green: è partito, con un partecipato forum online, il percorso che porterà l’ente ad aderire alla ‘Carta Europea del Turismo Sostenibile’. Sono stati 59 i partecipanti al primo incontro, per la maggior parte guide ambientali, rappresentanti di enti pubblici del territorio, imprese turistiche ed associazioni. La giornata, coordinata di Maria Villani di Federparchi, ha visto gli interventi di Corrado Teofili di Federparchi, che ha spiegato i vantaggi e gli strumenti della Carta, di Francesco Palumbo per Toscana Promozione, che ha parlato dell’importanza del coordinamento tra i soggetti coinvolti in ambito turistico, e di Marco Katzenberger del Parco Adamello Brenta che ha sottolineato il coraggio di avviare il percorso in questo periodo difficile e ricordato l’importanza di coniugare difesa dell’ambiente e offerta turistica. «Turismo, educazione ambientale e salvaguardia si devono integrare in una visione moderna: è conoscendo la natura che si impara ad amarla e rispettarla – ha spiegato il Presidente dell’Ente Giovanni Maffei Cardellini – Non partiamo da zero: in questi anni abbiamo costruito un Parco delle opportunità, da vivere e scoprire, basti pensare all’iniziativa promozionale delle ‘Spiagge del Parco’, ai tanti eventi organizzati, alle escursioni che si possono attivare presso i centri visita del Parco, all’apertura quotidiana della Tenuta di San Rossore, alla nuova app gratuita con la mappa del Parco e i sentieri, fino al Parco delle Acque su cui stiamo lavorando in questo periodo». L’appuntamento si è concluso gli auguri di buon lavoro del presidente di Federparchi Giampiero Sammuri.

La (CETS), nata su iniziativa della Federazione Europarc, sarà un patto tra gli attori turistici presenti sul territorio: il Parco, gli enti locali, le associazioni e le imprese che si occupano di turismo, le guide ambientali. Dalle riunioni del Forum emergerà la strategia per il turismo sostenibile a medio termine ed un conseguente piano di azione. Il prossimo incontro si svolgerà mercoledì 31 marzo.

Come si comporta un’area CETS – Comunica ai visitatori le speciali qualità che la caratterizzano, garantisce che la promozione si basi su immagini autentiche e sia sensibile ai bisogni ed alle capacità di luoghi diversi in momenti diversi. Coinvolge la comunità locale nella pianificazione del turismo, sviluppa un turismo specifico per l’area, promuove l’acquisto di prodotti locali, incoraggia l’impiego degli abitanti locali nel turismo, promuove l’uso del trasporto pubblico, della bicicletta e della passeggiata come alternative ai mezzi di trasporto privati. Tra i vantaggi dell’adesione: un più alto profilo nel panorama europeo quale area impegnata nel turismo sostenibile e l’opportunità di rafforzare le pubbliche relazioni e di sensibilizzare i visitatori e i media locali e nazionali.

Articoli correlati

Back to top button