MUSICA – A Chianciano Terme ritorna il Festival IMOC alle Terme di Sant’Elena

Un mese di concerti, masterclass e conferenze dal 1° luglio al 1° agosto per la VII edizione del festival ideato dal Centro Studi Musica e Arte di Firenze in collaborazione con il Comune di Chianciano Terme

A Chianciano Terme ritorna il Festival IMOC Chianciano – International Music Masterclasses Orchestra Opera and Concerts – giunto quest’anno alla settima edizione.

Il festival prenderà il via il 1°luglio nella splendida cornice del Parco Sant’Elena di Chianciano Terme. Dopo i saluti istituzionali del Sindaco Andrea Marchetti, dell’Assessore alla cultura Rossana Giulianelli e della Direttrice artistica del festival Stefania Di Blasio (ore 18.30), sarà il pianista Pier Paolo Vincenzi – in programma la Sonata in la maggiore K 322 e la Sonata in re minore K 213 di Domenico Scarlatti, la Sonata in la bemolle maggiore Hob. XVI: 46 di Franz Joseph Haydn e il celebre Carnaval op. 9 di Robert Schumann – a inaugurare alle ore 19.00 il ricco calendario della manifestazione che si concluderà il 1°agosto con il concerto di chiusura affidato agli allievi delle masterclass di arpa e di violino. Un mese intenso di appuntamenti con diciotto concerti dove si esibiranno, oltre a giovani interpreti al debutto, noti professionisti, e poi ben venti masterclass (corsi di alto perfezionamento), laboratori di musica per musicisti amatoriali, ma anche conferenze e presentazioni. Il festival è ideato dal Centro Studi Musica e Arte di Firenze, in collaborazione del Comune di Chianciano Terme, e diretto da Stefania Di Blasio con la collaborazione di Alessandra Artifoni. Il programma completo sul sito: www.imoc.it

Ritorna anche quest’anno la consolidata esperienza estiva legata al Festival IMOC – afferma Rossana Giulianelli, Assessore alla Cultura del Comune di Chianciano Terme – per far sì che l’estate sia sempre più all’insegna della cultura e della musica.  Grazie alla collaborazione con il Centro Studi Musica e Arte di Firenze anche quest’anno presentiamo un calendario ricco di eventi con masterclass, conferenze e concerti, tutti eventi culturali di grande livello che mi auguro saranno partecipati e apprezzati”.

“Il filo conduttore della settima edizione del Festival IMOC è la Musica d’insieme. Dopo il lungo periodo di stop forzato delle attività culturali, si riscopre più forte che mai il desiderio di suonare con gli altri e dal vivo, per condividere la gioia di fare musica con il pubblico in presenza. Quest’anno, inoltre, si consolida la presenza del laboratorio dedicato alla Musica antica e barocca con musicisti di fama specializzati nel genere che imposteranno la loro attività didattica con lezioni individuali ma, soprattutto, con lezioni di Musica d’insieme. Tutte le masterclass di Musica antica e barocca si svolgeranno in sinergia negli stessi giorni per rendere possibile la costituzione di vari ensemble. Il laboratorio di musica antica e barocca – diretto dalla clavicembalista Alessandra Artifoni che quest’anno collabora alla direzione artistica del festival – prevede anche una sezione dedicata ai musicisti amatoriali, che potranno così sperimentare il piacere di suonare insieme. Siamo in Toscana, cosa c’è di meglio che far conoscere al pubblico la musica del periodo rinascimentale e barocco? Fa parte della nostra storia e di questo territorio fantastico!” – afferma Stefania Di Blasio, Direttrice artistica IMOC.

Dettagli sulle sezioni del festival

Le masterclass – Da sempre il cuore pulsante del festival è rappresentato dalle masterclass, i corsi di alto perfezionamento tenuti da docenti di prestigio che ogni anno richiamano a Chianciano Terme numerosi giovani musicisti di varia provenienza. Quest’anno le masterclass sono ben 20 tra cui spicca la quattro giorni dedicata alla musica antica e barocca (8-11 luglio) con i corsi in concomitanza di Gemma Bertagnolli (canto barocco), Alessandra Artifoni (clavicembalo e basso continuo), Rossella Croce (violino barocco), Luigi Lupo (flauto traversiere e flauti diritti), Giovanni Bellini (liuto e chitarra barocca), Jean-Marie Quint (violoncello barocco). Non mancheranno le masterclass di pianoforte e musica da camera con i docenti Matteo Fossi (3-7 luglio 2 e 12-16 luglio) e Pier Narciso Masi (25-28 luglio). Per chi suona le quattro corde, invece, ci saranno le masterclass di violino – quest’anno addirittura quattro – con Duccio Ceccanti (3-7 luglio), Cristiano Rossi (10-13 luglio), Ladislau Petru Horvath (20-23 luglio) e Marco Lorenzini (29-31 luglio), ma anche di viola e quartetto d’archi con Jörg Winkler (7-9 luglio), Duo e Trio con viola con Edoardo Rosadini (12-16 luglio) e di violoncello con Patrizio Serino (26-29 luglio). Per i fiati sono previste le masterclass di clarinetto con Davide Bandieri (18-21 luglio) e di flauto traverso con Maurizio Valentini (22-27 luglio). E per finire le masterclass di chitarra classica con Andrea Dieci (15-18 luglio) e con Ganesh Del Vescovo (23-25 luglio) e di arpa con Patrizia Pinto (29-31 luglio).

Per informazioni sulle masterclass, docenti e iscrizioni: www.imoc.it –info@imoc.it (telefono: 055 3860572 / 388 3754871)

I concerti – La sezione dedicata ai concerti prevede diciotto appuntamenti – tutti alle ore 19.00  che vedranno alternarsi nella splendida cornice delle Terme Sant’Elena musicisti di fama e giovani interpreti al debutto scelti dai docenti durante le masterclass. Spetta al pianista Pier Paolo Vincenzi inaugurare la sezione concertistica il 1° luglio con un programma che impagina due Sonate di Domenico Scarlatti, una Sonata di Franz Joseph Haydn e il celeberrimo Carnaval op. 9 di Robert Schumann. Il 3 luglio il chitarrista Ganesh Del Vescovo, artista di riferimento nel mondo chitarristico nonché noto compositore, proporrà un recital con musiche di Heitor Villa-Lobos, Domenico Scarlatti e tre suoi brani. Il e il 7 luglio spazio ai Giovani interpreti scelti tra gli allievi delle masterclass di pianoforte, violino e musica da camera dei docenti Matteo Fossi e Duccio Ceccanti. Il 10 luglio concerto di musica barocca con l’ensemble formato da Alessandra Artifoni, clavicembalo, Rossella Croce, violino barocco, Giovanni Bellini, liuto e chitarra barocca, Luigi Lupo, flauto traversiere, Jean-Marie Quint, violoncello barocco. In programma musiche di Johann Sebastian Bach, del figlio Johann Christian Bach ma anche di Georg Friedrich Händel. L’11 luglio ancora musica barocca con i Giovani interpreti scelti tra gli allievi del laboratorio di musica antica e barocca. Il 13, il 15 e il 16 luglio altre tre serate dedicate ai Giovani interpreti, scelti rispettivamente tra gli allievi delle masterclass di violino di Cristiano Rossi, di pianoforte di Matteo Fossi e di musica da camera di Matteo Fossi ed Edoardo Rosadini. Il 17 luglio il chitarrista Andrea Dieci interpreta musiche di Fernando Sor, Francisco Tárrega e un brano di Ganesh Del Vescovo a lui dedicato. Il 21 luglio si esibiranno invece per il ciclo Giovani interpreti i migliori allievi della masterclass di clarinetto di Davide Bandieri. Il 22 luglio appuntamento con il violinista Ladislau Petru Horvath che eseguirà ‘Omaggio a Fritz Kreisler’, 12 Capricci per violino elaborati a partire da temi originali composti dal padre Vasile Tiberiu Horvath, anch’esso violinista. Il 25 luglio tornano i Giovani interpreti scelti tra gli allievi della masterclass di chitarra di Ganesh Del Vescovo. Il 26 luglio il decano del pianoforte Pier Narciso Masi proporrà un recital con musiche di D. Scarlatti, Schubert, Mendelssohn e Brahms. Il 27 e il 28 luglio altre due serate con i Giovani interpreti: la prima con gli allievi della masterclass di flauto traverso di Maurizio Valentini; la seconda con gli allievi della masterclass di pianoforte e musica da camera di Pier Narciso Masi. Il 31 luglio il violinista Marco Lorenzini e la pianista Claudia Gori si esibiranno in un programma tutto romantico con musiche di Schumann e Franck. La chiusura del lungo calendario dei concerti è affidata il 1° agosto ai Giovani interpreti scelti tra gli allievi delle masterclass di arpa di Patrizia Pinto e di violino di Marco Lorenzini.

Tutti gli eventi sono a ingresso libero su prenotazione.

Per il calendario dettagliato dei concerti: www.imoc.it 

Conferenza sulla musicoterapia – Come ogni anno si rinnova lo spazio dedicato alla musicoterapia, fiore all’occhiello dell’offerta formativa del Centro Studi Musica & Arte. Il 2 luglio alle ore 19 a Villa Simoneschi i professori Agostino Longo e Ferdinando Suvini terranno una conferenza dal titolo La formazione e la pratica clinica nella musicoterapia.

Presentazione del libro Tambugli di suoni – Tra le attività che fanno da corollario alle masterclass e ai concerti ci sarà anche la presentazione del libro di didattica musicale Tambugli di suoni, scritto a quattro mani da Stefania Di Blasio e Simona Scolletta, docenti impegnate nella promozione di nuove modalità formative. Le autrici presenteranno il libro il 14 luglio alle ore 18 presso le Terme Sant’Elena. L’evento è particolarmente indicato a docenti e alunni della scuola dell’infanzia e delle scuole primarie (anche con genitori). Durante la presentazione del libro saranno infatti proposti alcuni esempi pratici di facile attuazione e di immediato coinvolgimento per grandi e piccini. 

Prenotazioni

Tutti gli eventi sono a ingresso libero. Visti i posti limitati per il rispetto delle norme anti-covid è gradita la prenotazione: info@imoc.it, telefono: 055 3860572 – 388 3754871.

Partner e sponsor

Il Festival IMOC 2021 è organizzato dal Centro Studi Musica & Arte in collaborazione con il Comune di Chianciano Terme e grazie al supporto dei partner Associazione Albergatori di Chianciano Terme Federalberghi, Chianciano Pool, PROLOCO per la Promozione di Chianciano Terme, AIdSM Associazione Italiana delle Scuole di Musica, Terme Sant’Elena, Istituto Musicale ‘Bonaventura Somma’ Chianciano Terme, MAC Museo Archeologico Chianciano Terme, Chianciano Art Musem e Terme di Chianciano.

Articoli correlati

Back to top button