LUCCA – Estate di lavori per le scuole del Comune, proseguono i sopralluoghi dell’assessore Raspini sui cantieri aperti

Iniziati i lavori all’asilo nido di San Marco e alla scuola primaria di Sant’Anna

Estate di lavori nelle scuole lucchesi. L’amministrazione comunale sta infatti portando avanti una serie di interventi sulle strutture scolastiche del territorio comunale per un totale di 1.8 milioni di euro: nei giorni scorsi sono partiti i cantieri anche all’asilo nido di San Marco e alla scuola primaria Don Milani di Sant’Anna, dove si è recato l’assessore ai lavori pubblici, Francesco Raspini.  

«Il tema dell’edilizia scolastica – commenta l’assessore – è centrale per la nostra amministrazione. Prendersi cura delle strutture dove i nostri figli e i nostri ragazzi crescono e imparano è fondamentale per consegnare ai giovani studenti ambienti sicuri, funzionali e moderni. La scuola è al centro, farlo, ogni giorno, significa investire sul futuro del nostro territorio».

SCUOLA PRIMARIA DI SANT’ANNA. Grazie a un investimento di 149mila euro, la scuola Don Milani di via Matteotti avrà una nuova copertura, così da risolvere il problema delle infiltrazioni di acqua piovana. Nell’ultimo anno, infatti, erano state registrate queste problematiche nei locali della mensa e nelle aule.

L’obiettivo di questo intervento è di migliorare la tenuta, garantire una manutenzione sul lungo periodo e dotare la struttura di una copertura di colore chiaro per diminuire l’irraggiamento solare e, quindi, le escursioni termiche. La nuova copertura sarà realizzata in gomma vulcanizzata (EPDM) che garantisce maggior flessibilità e riparazioni più semplici in caso di necessità.

ASILO NIDO DI SAN MARCO. I lavori a San Marco si dividono in due lotti: il primo, da 191mila euro, riguarda anche in questo caso il rifacimento della copertura, mentre il secondo, pari a 155mila euro, interesserà la ristrutturazione dei servizi igienici e la posa della nuova pavimentazione. Nello specifico sarà realizzato un bagno per disabili e saranno riorganizzati gli spazi dei servizi attualmente esistenti per facilitare il lavoro delle educatrici nel caso in cui dovessero accudire bambini con bisogni particolari. Per quanto riguarda la pavimentazione, saranno messi in sicurezza i passaggi nei punti più critici dell’edificio.

Articoli correlati

Back to top button