LIVORNO – In arrivo voucher formativi per disoccupati e inoccupati fino a un massimo di 3000€

Domande dall’8 febbraio, con scadenze ogni due mesi. Voucher formativi per disoccupati e inoccupati a rimborso totale o parziale dei percorsi formativi fino a un massimo di tremila euro

Pubblicato il bando per la concessione di voucher formativi individuali riservato a persone disoccupate, inoccupate e inattive (decreto dirigenziale n. 795 del 27 gennaio 2017).

Il bando consiste di due diversi interventi per voucher formativi: il primo riservato a  soggetti disoccupati percettori dell’assegno sociale per l’impiego (NASPI) o dalla mobilità (sezione A del bando), il secondo per soggetti disoccupati, inoccupati e inattivi e per coloro che fuoriescono da percorsi di lavori di pubblica utilità (LPU), a condizione che risiedano in uno dei comuni che rientrano nelle aree di crisi industriale complesse – dunque anche l’area dei Comuni di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo – (sezione B del bando).

Questi, in sintesi, il dettaglio dei destinatari:

1) Destinatari dei voucher formativi individuali di ricollocazione (sezione A del bando). Sono riservati ai soggetti che si trovano nelle seguenti condizioni:

  •  essere disoccupati e, essere o essere stati percettori di Assegno sociale per l’Impiego (NASPI di cui al decreto legislativo 4 marzo 2015 n. 22); la condizione di disoccupato da cui è dipesa l’assegnazione del sussidio deve durare ininterrottamente da più di 4 mesi;
  • essere disoccupati e, alla data del 1 maggio 2015 essere stati fruitori o aver fruito successivamente a tale data dell’indennità di mobilità; la condizione di disoccupato da cui è dipesa l’assegnazione del sussidio deve durare ininterrottamente da più di 4 mesi”.

2) Destinatari dei voucher formativo individuale per aree di crisi (sezione B del bando). Sono riservati ai soggetti che si trovano nelle seguenti condizioni:

  • essere disoccupati, inoccupati, inattivi, fuoriusciti dai percorsi di Lavori di pubblica utilità (LPU);
  • essere residenti in uno dei Comuni che rientrano nelle aree di crisi industriale complesse, approvate con delibera di Giunta regionale n. 199 del 2/03/2015 “Individuazione aree di crisi” e n. 469 del 24/05/2016 “Indirizzi per gli interventi a favore delle imprese e del territorio dell’Amiata”

Il valore di ciascun voucher formativo varia in base alla tipologia di corso scelto, fino a un massimo di tremila euro, e potrà essere richiesto esclusivamente a rimborso totale o parziale dei costi d’iscrizione al percorso formativo. Sono esclusi rimborsi di viaggio, materiali didattici, bolli  e qualsiasi altra spesa. Gli eventuali costi d’iscrizione che eccedono l’importo massimo erogabile, costituiscono quota a carico del richiedente. Il riconoscimento dell’importo avverrà al termine del corso, stante la frequenza di almeno il 70% delle ore previste.

Le domande possono essere presentate a partire da mercoledì 8 febbraio, con la prima scadenza fissata a venerdì 10 febbraio e, successivamente, con ulteriori scadenze bimestrali a decorrere dal 10 marzo 2017 (10 maggio – 10 luglio –10 settembre –10 novembre -10 gennaio 2018).

Per poter fare domanda è necessario essere residenti o domiciliati in un comune della Toscana e, se cittadini non comunitari, in possesso di regolare permesso di soggiorno che consente attività lavorativa, avere  compiuto i 18 anni di età ed avere un reddito ISEE inferiore a 50mila euro.

Tutti i dettagli del bando sono consultabili on line sul sito della Regione. Le domande  potranno essere inoltrate esclusivamente per via telematica secondo quanto indicato.

Articoli correlati

Back to top button