Cultura della sicurezza sul lavoro, approvata nuova programmazione scolastica

Via libera dalla Giunta regionale alla “Programmazione delle attività di promozione della cultura della sicurezza nella scuola per le annualità 2021-2024”, per prevenire gli infortuni nei luoghi di lavoro. L’atto è stato deliberato nel corso dell’ultima seduta, su proposta dell’assessore al diritto alla salute, Simone Bezzini.

Per le attività programmate è stato deliberato, inoltre, un importante finanziamento di 274mila euro complessivi, di cui 194mila euro sono a carico della Regione Toscana e i restanti 80mila euro della direzione regionale dell’Inail per la Toscana, avendo riscontrato l’alta valenza di prevenzione dell’iniziativa, rivolta al mondo della scuola.

Sarà possibile accedere ai finanziamenti tramite bandi di concorso, rivolti alle scuole di ogni ordine e grado, per la realizzazione di progetti educativi interdisciplinari in materia di sicurezza sul lavoro. La finalità di questa iniziativa è, infatti, quella di promuovere la prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro, accrescendone la cultura e la conoscenza nei giovani.

“Con la programmazione 2021-2024, la Regione Toscana continua a dare un forte impulso all’attività, già avviata negli anni precedenti, di promozione e sensibilizzazione nei confronti di insegnati e studenti sui temi della sicurezza e salute sul lavoro, prevedendo corsi di formazione rivolti non solo, come nella precedente programmazione, ai docenti delle scuole secondarie di secondo grado, quale supporto ai progetti di alternanza scuola/lavoro, ma anche ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado, affinché i giovani possano essere educati tramite i loro insegnanti alla cultura della sicurezza sul lavoro, sviluppando la consapevolezza del rischio, comprendendo l’importanza della tutela di se stessi e degli altri e dei corretti comportamenti”, ha commentato l’assessore Bezzini.

Il piano è stato illustrato nell’ambito del Comitato regionale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro, nella riunione dello scorso 29 giugno, ed è stato apprezzato sia dalle parti sociali, sindacali e datoriali, sia da tutti gli enti, che hanno preso parte all’incontro.

Articoli correlati

Back to top button