CUCINA – Regali per 70mila euro: l’insolito Capodanno di Lorenzo Romano alla Insolita Trattoria Tre Soldi di Firenze

Lo chef lancia un'iniziativa per i 70 anni del locale: buste sorpresa in omaggio a ogni cliente, in palio ben 500 cadeau tra cene e bottiglie

Non si può dire che non sia un “insolito” Capodanno, quello allestito da Lorenzo Romano della “Insolita Trattoria Tre Soldi” di Firenze: per celebrare le festività di fine anno, che coincidono con le 70 candeline del ristorante fondato dalla sua famiglia nel 1952 in viale D’Annunzio, il giovane chef ha pensato a un’iniziativa per premiare la clientela, mettendo in palio regali per un controvalore di ben 70mila euro.

La promozione, dal titolo “Doppio Natale”, funziona così: per tutto il mese di dicembre, al momento di pagare il conto tutti i clienti del ristorante riceveranno una busta sigillata che contiene un omaggio, e che dovrà restare chiusa fino a gennaio. Nel corso di quel mese, chi tornerà a cena all’Insolita Trattoria aprirà la busta e scoprirà il regalo: il cadeau può essere una delle dieci “Diamond Card” dal valore di 1380 euro (cene per due persone per tutto il 2022), una “Gold Card” da 640 euro o una “Silver Card” da 320 euro e così via, per un valore di complessivi 70mila euro divisi tra oltre 500 buste regalo. “Volevamo unire i festeggiamenti di fine anno – racconta Lorenzo Romano – con l’inizio delle celebrazioni per i 70 anni della Trattoria Tre Soldi, da qualche anno diventata ‘insolita’, e abbiamo pensato di offrire ai nostri amici e cliente un regalo speciale”.

Per il Cenone di San Silvestro, poi, l’Insolita Trattoria ha pensato a un menù composto da 10 portate, per un totale di 25 creazioni “camouflage” che hanno reso celebre la cucina di Lorenzo Romano, in cui al palato nulla è ciò che sembra alla vista: non mancano le 6 “illusioni di pasticceria dolce” (il bombolone, la vignetta e il macaron), le 6 “insolite creazioni” (il pomodorino, l’oliva, la melanzana, l’ostrica, la castagna e l’ossobuco), il “Wagyu burger” (burger di wagyu con crema di formaggio d asino stagionato e cheddar di salsa verde), il Cappellaccio di lenticchie rosse, cotechino e tartufo, il “Pedrito” (gelato al parmigiano e caviale di sherry Pedro Ximenez), per chiudere con “Sfumature d’inverno”, una mousse al cioccolato fondente, cremoso d arancia e pane d’epices. Il tutto a 189 euro (vini esclusi), più 59 euro con i vini in pairing.

Anche per il cenone di Capodanno, la cucina di Lorenzo Romano – fiorentino, classe ’89 – conferma di avere come cifre distintive la ricerca dello stupore e la sfida alle percezioni visive dei commentali: visitare oggi il ristorante significa cimentarsi col concetto di deception gastronomica, ossia ricerca di preparazioni e accostamenti inusuali che inducano il commensale a rivedere le proprie certezze in tema di percezioni sensoriali. “Porto avanti una cucina quasi surrealista – spiega Lorenzo Romano – libera da schemi e limiti. Il fatto di essere autodidatta mi ha dato la possibilità di costruirmi un percorso del tutto personale, non legato alle tecniche tradizionali ed agli usi classici”.

Articoli correlati

Back to top button