Lucca, forestazione urbana: iniziano le messe a dimora dei nuovi alberi in 6 aree urbane

898 nuovi alberi lungo strade, in parchi e aree a verde; in partenza anche la nuova pista ciclabile di via Matteo Civitali

Riprendono i lavori del progetto di forestazione urbana. Nelle prossime settimane, sfruttando la stagione del riposo vegetativo delle piante, saranno messe a dimora decine di nuove alberature a partire da sei delle 29 aree individuate dall’amministrazione comunale. Si tratta di via Squaglia, Quartiere giardino (San Concordio), via Pistelloni (Sant’Anna), Montuolo, via Martini (San Filippo) e viale Matteo Civitali.

Si tratta di un progetto del valore complessivo di 580.000 euro che ha ottenuto un finanziamento da parte della Regione Toscana. I lavori prevedono complessivamente la messa a dimora di 898 alberi di 28 specie diverse in aree urbane, con lo scopo di compensare le emissioni di anidride carbonica secondo l’agenda 2030, migliorando la qualità dell’aria in ambito prevalentemente urbano: è infatti nota la capacità di molti alberi di contrastare le polveri sottili. C’è poi un aspetto più legato alla biodiversità: i nuovi spazi alberati aumenteranno i cosiddetti corridoi ecologici arborei favorendo le specie avicole più fragili e minacciate.

“Lucca partecipa con entusiasmo alla realizzazione dei punti dell’Agenda 2030 – affermano gli assessori ai lavori pubblici Nicola Buchignani e all’ambiente Cristina Consani – Piantare alberi nelle zone più popolose e urbanizzate di Lucca significa ricollegare il cerchio verde del parco delle Mura urbane alle zone rurali con un’operazione che dà nuova qualità estetica ai nostri quartieri moderni, aiuta l’ambiente e la nostra salute. I lavori di messa a dimora partono con l’autunno e termineranno entro il mese di marzo del prossimo anno”.

In particolare i lavori in partenza riguardano il lato est di via Matteo Civitali, dove sarà realizzata una pista ciclabile dove saranno inseriti 40 carpini bianchi piramidali (la stessa specie di quelli dell’altro lato), nei 2000 metri quadrati dell’area verde comunale di via Squaglia dove saranno messi ciliegi e aceri. Frassini e aceri in un’area a verde di circa 2500 metri quadrati in via Martini a San Filippo; frassini e pioppi nel parco del Quartiere giardino a Pontetetto; impianto misto di farnie e pioppi in un’area suddivisa in due diverse parti in via Bozzi, a Montuolo; aceri, ciliegi, farnie, olmi, platani e frassini in un’area a prato di circa un ettaro in via Pistelloni.

In seguito saranno messe a dimora nuove alberature anche lungo le strade: platani in via Cavour, bagolari sul lato est di piazzale Ricasoli, tigli in via Nieri, aceri in via Pannunzio, liquidambar lungo la pista ciclabile al parcheggio Corolla, piante di acero riccio in via Pfanner, in via Gramsci alberi di ligustro lucido e carpini bianchi piramidali, gingko biloba in via dello Stadio; carpini bianchi piramidali in via Diaz, tigli in via Dante Alighieri, bagolari in via del Chiassetto. All’interno di aree aree verdi, parchi e giardini pubblici saranno messi a dimora lecci in piazza della Libertà a Nozzano, aceri ricci, ciliegi, tigli, meli da fiore, noccioli, sofore a Santa Maria del Giudice, nell’area a verde di via XXIV Maggio, con rimboschimento anche del terreno incolto adiacente, aceri ricci e lecci nell’area a verde adiacente all’obitorio, piante di varie specie, fra cui querce piramidali e tigli, nell’area a verde adiacente alle scuole in via Marchetti, aceri e tigli in due aree a verde di via dei Pieroni a San Vito. Infine per le alberature in aree verdi marginali e non strutturate, saranno piantati; ontani, ciliegi e noci in via Meassino; farnie e frassini in un’area adiacente al campo sportivo di Nozzano; farnie e frassini in un’area a verde di forma triangolare in via del Bozzo a Sant’Angelo; farnie in via Einaudi.

Articoli correlati

Back to top button