AREZZO – La “Più grande pedalata ecologica del Paese” arriva giovedi 22 luglio a Pratovecchio Stia

La “Più grande pedalata ecologica del Paese” arriva a Pratovecchio Stia. Giovedi 22, la tappa numero 10, porterà da Barberino del Mugello alla sede dell’Area protetta. Posizionata stazione di assistenza e ricarica e-bike donata dal gruppo Colussi.

La ciclovia turistica nazionale “Appennino bike tour” è stata identificata dal ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili e finanziata con due milioni di euro per l’installazione della cartellonistica.

E’ un itinerario che corre per oltre 2.600 chilometri lungo strade secondarie a basso traffico, con caratteristiche innovative rispetto a quelli già progettati finora, e che coniuga ben 14 regioni al fine di favorire uno sviluppo sostenibile delle aree interne del Paese.
La giornata del 22 inizierà con la diretta Facebook alle 17,30 con istituzioni, imprese a associazioni del territorio dal palazzo del Parco. Ci saranno interventi di Nicolo Caleri, sindaco del Comune di Pratovecchio Stia; Luca Santini, presidente del parco nazionale Foreste casentinesi, monte Falterona e Campigna; Enrico dalla Torre, direttore generale di Vivi Appennino; Sebastiano Venneri, portavoce nazionale di Legambiente; Elisabetta Boccali, marketing manager Misura; Serena Stefani, del Consorzio bonifica Alto Valdarno e Cooperativa In quiete, che parlerà del progetto di Acquacoltura.
Alle 18 ci sarà l’arrivo della staffetta di Legambiente con la consegna del “testimone della rinascita” al sindaco di Pratovecchio Stia e l’inaugurazione della stazione di assistenza e ricarica e-bike donata dal gruppo Colussi.
Alle 19, all’insegna del programma “Ambiente e futuro sostenibile in Appennino” verrà sottoscritto il documento “Climate change Legambiente”.
Alle 19,30 – in diretta Facebook – si potrà partecipare alla manifestazione “Aspettando Cibo so good”, presentazione delle tipicità locali e dei produttori, in vista del Festival di Bologna (18-20 marzo 2022).

Si riparte, il giorno dopo, per Citerna.

L’omonima associazione “Appennino bike tour”, che ha sviluppato il progetto a partire dal G7 Ambiente di Bologna nel 2017, ha incaricato un team di tecnici per completare l’affinamento del percorso richiesto dal Ministero, in una logica cooperativa e d’intesa con gli enti territoriali competenti. Ciò consentirà, per l’autunno 2021, di consegnare le migliori tracce a basso traffico che collegano le tappe e le grafiche turistiche del percorso; il Ministero potrà quindi procedere con gli adempimenti connessi alla messa in opera della segnaletica, rendendo visibile l’itinerario Appennino bike tour per l’estate 2022.

Iscrizioni alle tappe della “pedalata” su https://appenninobiketour.com.

Articoli correlati

Back to top button